Ambientazioni per Dungeons and Dragons 5ed

Fino ad ora sono state molte le ambientazioni per Dungeons and Dragons quinta edizione, in questo articolo andremo a parlare di alcune di loro e della notizia di poche ore fa.

Pare infatti che la Wizard of the Coast abbia finalmente annunciato l’uscita dell’ambientazione Eberron per la quinta edizione.

Il titolo del manuale sarà, “Eberron: Rising from the Last War” ma andiamo a scoprire di più.

Eberron: Rising from the Last War

L’annuncio della Wizard cita che l’uscita negli Stati Uniti sarà il 19 Novembre 2019 ed il prezzo del manuale sarà di 49,95$.

L’uscita del manuale in versione italiana e l’eventuale localizzazione è al momento sconosciuta, ma continuate a seguirmi per avere aggiornamenti.

Nonostante il titolo fuorviante, il manuale sarà l’ambientazione di Eberron e conterrà (da quello che la Wizard ha annunciato):

  • Informazioni sull’ambientazione di Eberron.
  • Interessanti approfondimenti sulla città di Sharn.
  • Una campagna pronta per essere giocata, ambientata nel territorio di Mournland.
  • Nuove opzioni per Personaggi (tra cui le nuove classi dell’artefice e i Marchi del Drago).
  • Informazioni dettagliate su nuovi mezzi (Navi Volanti).
  • Una nuova regola che aggiunge il concetto di Background del Party intero.

Insomma molta carne al fuoco che non vediamo l’ora di Playtestare e recensire.

Nel frattempo cliccate qui per tenere d’occhio eventuali sviluppi.

Finalmente una delle più belle ambientazioni per Dungeons and Dragons riprende vita per la quinta edizione.

Ma c’è dell’altro se non siete amanti delle lunghe attese o di Eberron…

Le Gilde di Ravnica – D&D nel mondo di Magic the Gathering.

Per capire cosa ci aspetta acquistando il manuale di “Guildmasters’ Guide to Ravnica” bisogna leggere come la Wizard ha descritto la città delle Gilde:

“Esplora un paesaggio urbano che ricopre tutto un mondo pieno di avventura e intrighi in questa ambientazione creata per il più grande gioco di ruolo al mondo.

Una perpetua foschia di triste pioggia incombe sulle guglie di Ravnica.

In corsa contro il tempo, i suoi cittadini cosmopoliti, in tutta la loro fantastica diversità, svolgono le loro attività quotidiane in vivaci mercati e vicoli ombrosi.

Ma tutto questo è legato alle vicende di dieci Gilde…

Sindacati del crimine, istituzioni scientifiche, gerarchie ecclesiastiche, forze militari, tribunali giudiziari, sciami ronzanti e bande furiose si contendono il potere, la ricchezza e l’influenza.

Queste Gilde sono il fondamento del potere su Ravnica.

Esistono da millenni e ognuno ha la propria identità e funzione civica.

La propria diversa collezione di razze e creature e la propria distinta sottocultura.

La loro storia è una rete di guerre, intrighi e macchinazioni politiche con cui hanno gareggiato per il controllo del piano”.

Le Gilde

Ravnica è un Piano composto da un’unica immensa città, appare per la prima volta nel lontano 2005 quando la Wizard crea un espansione per Magic The Gathering dedicata a questo mondo.

La città è governata da Dieci Gilde in costante guerra tra loro:

  • Rakdos: I folli e sadici fedeli di creature maligne e portatori di caos e morte.
  • Grull: I barbari selvaggi che provengono dalla zona delle macerie, riconquistata dalla natura.
  • Boros: I paladini dell’ordine, sempre in lotta con fervore contro il caos.
  • Azorius: I severi giudici custodi delle leggi, dell’ordine e della giustizia.
  • Simic: Gli scienziati pazzi che miscelano grazie alla tecno biologia le specie.
  • Orzhov: La chiesa corrotta governata da Spettri e Vampiri assetati di sangue.
  • Dimir: I sindacati del crimine organizzato sempre pronti ad estorcere denaro e uccidere.
  • Izzet: Gli sperimentatori folli della magia che sfruttano tecnologia ed arcano.
  • Selesnya: I protettori di tutto ciò che rimane della natura su Ravnica.
  • Golgari: I nascosti, celati nelle fogne e nei sotterranei sotto la città, infetti e sporchi.

Ora ragazzi, se tutto questo non sarebbe stato un peccato perderlo come ambientazione per D&D vi do un consiglio… cambiate gioco.

Informazioni Utili

Semmai foste interessati a dare uno sguardo al materiale cliccate pure qui.

Il manuale base lo potrete acquistare a 37,37€

Vi avviso però che quest’ambientazione non è stata ancora localizzata in italiano e tutto il materiale che troverete sarà in inglese.

Ma fidatevi ne varrà la pena, perché si tratta di una delle ambientazioni per Dungeons and Dragons più interessanti degli ultimi anni a mio avviso.

Avventure nella terra di mezzo – Tolkien incontra Dungeons and Dragons

Questa Ambientazione, ma preferirei definirla gioco a sé per la sua completezza, è davvero un piccolo gioiello.

Chi ama il mondo creato da Tolkien ne rimarrà affascinato per la cura e l’amore che gli autori di questo manuale hanno messo nel crearlo.

E’ difficile associare Dungeons and Dragons, per il suo stile a ossa spezzate, porte sfondate e palle di fuoco alla poesia della Terra di Mezzo.

In questo caso però ci sono riusciti.

Come?

Semplicemente indirizzando questo manuale a chi vuole giocare un ambientazione con la A maiuscola della terra di mezzo.

Si tratta di un’ambientazione non adatta a chi ama interpretare “Malvagi”.

Questo perché la dinamica della corruzione provocata da “L’Ombra” rendere la vita del vostro personaggio impossibile.

Non è inoltre indicato per chi ama lo stile magico a… “Palle di Fuoco”.

Questo perché la magia è bassissima e con effetti delicati e poetici come Tolkien ce l’ha raccontata.

Riassumendo non si tratta di un’ambientazione per i Power Player.

Novità del sistema di gioco

Oltre alla succitata dinamica dell’ombra che genera “Corruzione” per i personaggi (se avete letto il romanzo saprete di cosa si parla) ci sono altre interessanti dinamiche:

I Viaggi: il gioco si basa su di un concetto bellissimo.

“Non è la meta ad essere importante ma il viaggio che si affronta per raggiungerla”.

Per tale motivo non tutto rimane nelle mani del DM in questa ambientazione.

Dovrete scegliere, infatti, i ruoli dei membri del party durante il viaggio.

La sentinella, l’esploratore, il cacciatore ne sono alcuni esempi.

Se il giocatore scelto non sarà idoneo, si andrà incontro a gravi problemi durante il viaggio.

La Fase della Compagnia: Si tratta nella fase in cui i personaggi aumentano di livello, tra un’avventura ed un’altra.

Serve per curasi dalle fatiche e dalle ferite peggiori subite durante l’avventura, fare ritorno alla propria casa e trovare nuovi alleati.

Lo scandire il tempo con una fase di gioco dedicata all’interpretazione realistica già dimostra la grandezza di questa ambientazione.

Una persona reale ha bisogno di riposo e deve prendersi una pausa in periodi proibitivi in cui è più difficile andare “all’avventura”.

Le Udienze: Conoscere personaggi importanti e creare amicizie con personaggi non giocanti è spesso una cosa lasciata in secondo piano da molti giocatori.

In questa ambientazione, invece, dovrete farlo, perché altrimenti non potrete avere udienza presso personaggi importanti.

Anche se sembra qualcosa di fastidioso, questo rende più realistico il gioco di ruolo e spinge i giocatori a comportarsi in maniera più naturale.

Questi è una delle ambientazioni per Dungeons and Dragons tra le più belle dedicata ad una pietra miliare del fantasy.

Sono certo che non vi deluderà.

Informazioni Utili

Il manuale è molto ben curato graficamente e dettagliato.

E’ tradotto in Italiano ed ha un prezzo davvero interessante, vale a dire, soli 34,89€.

Se volete farlo vostro cliccate pure qui.

I Vichinghi secondo Dungeons and Dragons

L’ultima tra le ambientazioni di Dungeons and Dragons quinta edizione, sia nell’articolo che a livello temporale è “Journey to Ragnarok”.

Risultato di una fortunata campagna Kickstarter che ne ha decretato lo sviluppo, ha ricevuto un caloroso benvenuto da critica e pubblico.

Le particolarità di questa ambientazione sono diverse e riassumendole sono:

  • I personaggi si sviluppano dal 1° al 15° livello.
  • Esistono 6 clan che lottano per la sopravvivenza ed il diritto di partecipare al Ragnarok.
  • Ci sono 9 mondi da esplorare che compongono la cosmologia Vichinga tradizionale.
  • Non ci sono avventure pre generate o una solida trama da seguire, ma un canovaccio.

Andiamo a spiegare…

Ci troviamo durante l’inverno Fimbulvetr, il lungo inverno che anticipa il crepuscolo degli Deì e la grande battaglia finale del Ragnarok.

I personaggi possono (ma è consigliabile che lo siano) essere appartenenti ad uno dei 6 clan presenti nell’ambientazione.

Questi Clan stanno sopravvivendo ad un inverno che dura da un anno su Midgar, il mondo degli uomini.

La scarsità di cibo e le condizioni estreme hanno minato l’armonia che esisteva, ed ora la corsa è diretta ad attirare l’attenzione di una Divinità.

Per farlo i personaggi dovranno crescere e svolgere compiti che li mettano in luce e permettano loro di fare visita a tutti i 9 mondi che compongono l’ambientazione.

Tematiche e Trama

“Journey to Ragnarok” è incentrato sulla tematica di questo viaggio, il che si spiega dell’evoluzione in 15 livelli.

Per tale motivo non è adatta alle one shot.

Questa ambientazione e stata appositamente creata per lo svolgimento di una lunga campagna.

Altra particolarità è che la sceneggiatura è più un canovaccio da seguire.

Questo lascia molto spazio alle scelte del master e dei giocatori.

Anche sé potrebbe essere un vantaggio per i giocatori più esperti tale dinamica potrebbe mettere in seria difficoltà i meno esperti.

Per tale motivo la NEED GAMES ha fatto uscire un supplemento per i giocatori inesperti, il manuale si chiama “Il Grigio Viandante”.

Si tratta di un’avventura strutturata per personaggi che vanno dal 1° al 4° livello e che indirizzerà i giocatori e i master meno esperti.

Per concludere il manuale di circa 300 pagine ha una grafica mozzafiato ed è ben curato, i creatori del gioco non si sono assolutamente risparmiati.

Inoltre l’ambientazione è stata scritta da persone davvero competenti dato la minuziosa ricostruzione dell’ambientazione vichinga.

Miti, leggende, creature, mondi, personaggi non giocanti ed artefatti sono tutti perfettamente incastonati e presi dal folklore.

Insomma un prodotto un po’ ostico per i neofiti ma consigliato per chi ha esperienze di gioco di ruolo e ama la cultura nordica.

Tenete sempre presente che dovrete impegnarvi a giocarci una lunga campagna e che soltanto in questo modo avrete la possibilità di apprezzare davvero questo prodotto.

Informazioni Utili

Il manuale lo trovate ad un prezzo di 44,89€.

Se siete interessati cliccate pure qui per poterlo acquistare.

Ambientazioni per Dungeons and Dragons, una lunga storia d’amore

Qui si conclude il nostro articolo, per maggiori informazioni su Dungeons and Dragons vi consiglio di leggere anche questo articolo.

Ma prima di lasciarvi, ci terrei a precisare una questione che riguarda proprio le ambientazioni.

In questo blog ho spesso parlato della creazione della propria ambientazione.

Potete avere maggiori informazioni in merito leggendo questo articolo.

Ma nonostante sia davvero bello creare una propria ambientazione, esistono comunque in commercio dei validissimi prodotti.

Basta saper guardare e cercare bene.

Ad esempio, una delle ambientazioni per Dungeons and Dragons che ho più amato durante la mia esperienza ludica è stata quella dei Forgotten Realms.

Ho creato tantissimi mondi miei, con le loro particolarità, cose che desideravo inserire nei giochi di ruolo, ma quell’ambientazione mi è rimasta sempre nel cuore.

Con questo vi consiglio sempre di provare, provare e provare.

A volte dietro l’angolo potrebbe nascondersi l’amore per un’ambientazione scritta da altri ma che riesce a rapirvi il cuore.

Quindi buona scelta e Buon gioco di Ruolo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *