Creare un mostro per i propri Giochi di Ruolo

miniature di mostri di un gioco in scatola

La prima cosa da fare quando creiamo un mondo di giochi di ruolo è creare un mostro, ma cosa rappresentano queste presenze nei mondi del gioco di ruolo.

Partiamo dalla definizione di mostro che noi abbiamo nel mondo reale, un mostro può essere di due tipi, estetico o morale.

Il mostro “brutto” semplicemente è qualcosa di lontano dai canoni estetici che ogni singola società umana si è data.

L’accezione di questo termine non è univoca, poiché culturalmente ciò che può apparire ai nostri occhi orrendo potrebbe essere accettabile da altre culture.

Il mostro morale invece è tutt’altra storia, questi individui agiscono contro quella che è il rispetto delle norme morali umane, diventando esseri contro la natura stessa dell’uomo.

La storia passata e recente è ricca di tali figure, purtroppo, ma ancor più importante è che i mostri morali vengono globalmente riconosciuti come una minaccia.

Compreso quindi quello che noi definiamo mostro iniziamo a parlare di cosa esso rappresenti in un gioco di ruolo.

2 – Cos’è un mostro in un gioco di ruolo

I mostri nei giochi di ruolo soffrono spesso di una patologia.

Vengono considerati da molti come una sorta di male necessario, una sorta di fantocci da prendere a sberle.

Ricordano per assurdo i mostri immaginari contro cui lotta un bambino.

Quello che sfugge ai più, però, è che il “mostro” si suddivide in tre categorie:

  • Civiltà malvagie, poco evolute, selvagge e violente.
  • Creature bestiali e pericolose generate dalla natura o dalla magia.
  • Creature che sono la rappresentazione assoluta del male.

Ora quando andiamo a comprendere questo ci si rende conto del primo errore di coloro che creano i mostri.

Vale a dire…

…Non dare a loro una posizione sensata nel mondo che si è creato, una motivazione di nascita, comportamentale e di esistenza.

Riducendo al massimo l’approfondimento ci si ritroverà con mostri che sono lì solo perché serve qualcosa che i giocatori possano picchiare.

Questa, nei giochi ispirati a saghe letterarie e grazie a pubblicazioni di appassionati, è una tendenza che scompare.

Ma non tutti i giochi di ruolo hanno questa fortuna.

2.1 Creare un mostro civilizzato

Sembra quasi uno scherzo definire un mostro civilizzato, ma nella stragrande maggioranza è così.

Come spiegato all’inizio dell’articolo non tutte le culture sono simili, e parliamo nel mondo di varie sfaccettature della sola razza umana.

Ora immaginate un mondo con migliaia di razze differenti e sotto culture annesse, parliamo di una diversificazione allucinante.

Già questo argomento richiede un articolo a sè, ma quello che mi preme ora è spiegarvi una cosa.

Una civiltà genera una cultura, con propri usi e costumi, e questa potrebbe essere strana e pericolosa per il metro di giudizio altrui.

Ma ciò non vuol dire che gli appartenenti a quella cultura non abbiano una organizzazione, delle feste, un codice morale e delle leggi.

Prendiamo l’esempio dei Klingon di Star Trek, apparentemente dei bruti guerrafondai aggressivi.

Praticamente gli orchi per il capitano Kirk, eppure anche i Klingon avevano una cultura e l’impero da loro creato dopo decenni di guerra entra a far parte della confederazione.

Ora perché vi dico questo?

Immagino lo sappiate già, ma intendo ribadire un concetto, quando create un “mostro” civilizzato, in realtà state creando una cultura.

Fino a quando non vi siederete a pensare a tutte le sfaccettature che compongono una cultura, non riuscirete mai a creare mostri civilizzati credibili.

2.2 Creare un mostro bestiale

Seppur possa sembrare molto più facile, creare una bestia del mondo che volete generare sarà anche più difficile.

Gli animali, a differenza delle culture, fanno parte di un cerchio vitale, di un ecosistema, e per creare bestie sensate avrete bisogno di creare questo.

Se prendiamo ad esempio un mondo come il nostro, ogni fascia climatica, in base alle sue caratteristiche, ha un proprio ecosistema.

Le creature che vivono in esso si sono adattate per sopravvivere in un ambiente del genere e si bilanciano senza stravolgere l’intero sistema.

Una giusta proporzione di carnivori ed erbivori con le proprie pecualiari abilità di attacco e difesa.

Caratteristiche fisiche che ne facilitino le funzioni e che possano decretarne la vita o la morte.

La natura non risparmia nessuno, è spietata, ma mentre una razza civilizzata con un intelletto sviluppato può compensare le proprie carenze, una bestia non può farlo.

Pertanto quando vi accingete a creare il vostro mostro ricordate di dargli caratteristiche affini agli ambienti naturali.

Potete persino aggiungere cose particolari e prive di senso per la nostra realtà, ma che abbiano senso nel vostro mondo.

Se vorrete avere degli orsi polari con le ali createli pure, ma un super predatore del genere con una tale aggiunta dovrà necessariamente provocato un adattamento particolare alle proprie prede.

Quindi come per una cultura, siate sensati quando andrete a definire i vostri ecosistemi.

2.3 Creare creature di male assoluto

Una bestia si difende, una cultura potrebbe essere aliena e diffidente, ma in alcuni giochi esistono creature di puro male.

Si tratta di creature, solitamente senzienti, con un fine maligno che perseguono con scrupolo.

Come per un Antagonista (leggi articolo cliccando qui) anche queste creature però devono avere un senso nel vostro mondo.

Il male non deve essere banale, ricordate, altrimenti si potrebbe confondere con stupidità.

In molti giochi di ruolo, il male è una componente fisica, reale e tangibile, e molto spesso il suo unico fine non è solo dominare o distruggere il mondo.

Questa è la credenza che ci hanno inculcato libri, film e fumetti, ma non è sempre così.

Anche la sola vendetta verso le altre specie per un crimine atroce avvenuto millenni prima potrebbe essere un’ottima molla motivazionale.

Magari le altre specie hanno “invaso” il mondo e coloro che sono considerati malvagi sono solo vittime.

Qualsiasi sia la vostra motivazione questo genere di creature sono molto complicate da creare.

Esse, infatti, molto probabilmente sono le più legate alla storia del vostro mondo, ed attraverso questo vincolo ne sono parte integrante.

Draghi, demoni, spiriti senza pace, alieni, popoli perduti, non importa chi essi siano nell’immaginario collettivo, ne potrete e dovrete definirne i tratti distintivi.

Se il vostro mondo è unico, anche questo genere di creature lo dovranno essere, per non creare dei cloni di altre ambientazioni.

3 – Creare un mostro in maniera pratica

Dopo aver compreso cosa il mostro rappresenti e quale debba essere il suo background si potrà cominciare a definirne le caratteristiche.

I valori che andrete a riportare su di una scheda dovranno essere collegati al sistema che avrete scelto di usare.

Ma non dimenticate che dovranno adattarsi a quello che la creatura rappresenta e a quello che è il suo background deciso in precedenza.

Dovrete adattare i sistemi più macchinosi con soluzioni ad hoc.

Creare nuove capacità, abilità, regole e capacità che magari non sono contemplate nel sistema che state usando.

Ma la pertinenza che otterrete sarà eccelsa, non avrete più bisogno di aggiungere altro, se non l’incontro stesso con tali creature.

Altra cosa importante è non uniformare troppo le caratteristiche di un mostro.

Alcuni giochi famosi offrono alternative poco interessanti.

Quello che potrete fare, sarà creare degli Archetipi di creature della stessa razza.

Le tigri nel mondo reale non sono, ad esempio, tutte uguali; ne esistono di taglia, tipo, sesso, età e indole diversa.

Senza contare che i mostri dei giochi sono sempre perfetti, mentre ferite, mutazioni, malformazioni e problematiche potrebbero colpirle.

Create qualcosa di unico, fuori dagli schemi, semplice e realistico allo stesso tempo, potrà sembrare difficile, ma ve lo ripeto sempre, siate folli ed innovatori.

Mondi fatti da mostri asettici, creati con lo stampino, senza senso e privi di ogni aspetto che li mostri come realistici, ce ne sono a bizzeffe.

Se volete stupire, creare qualcosa di diverso, quando lavorerete a questo ricordate queste parole.

Quindi buona creazione di mondi e mostri e buon gioco di ruolo a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *