Non c’è scritto sul Manuale!

Non c’è scritto sul manuale!

Quante volte giocando come giocatori o master avete sentito questa esclamazione?

Quanto lo avete fatto voi? (perché lo so che lo avete fatto, sappiatelo)

Quando si gioca ad un gioco di ruolo, spesso tutti i giocatori, con il passare del tempo, acquisiscono conoscenze sul regolamento di un gioco.

Altrettanto spesso, però, con il cambiare del master, si creano problemi di incomprensioni.

Uno di questi motivi è la gestione delle regole.

Vuoi sapere perché non c’è sul manuale?

Spesso accade, per esigenze particolari, che alcuni master decidano di non applicare o cambiare alcune regole contenute all’interno di un regolamento.

Nonostante sia inusuale nella stragrande maggioranza dei giochi che ne possiedano uno, per i giochi di ruolo spesso è normale.

Questo accade perché a volte, in alcuni regolamenti, non ci sono regole che soddisfano il master per l’aggiunta di parti della sua storia. Come vi ho spiegato in questo articolo, la storia è la cosa più importante per un master.

Stravolgere alcune regole non significa stravolgere tutto il sistema d’altronde.

Il problema dei giocatori è che il loro personaggio, creato per alcuni scopi precisi, non riesca a fare qualcosa a causa di questi cambiamenti.

Qualcosa che da regolamento base, dovrebbero poter fare.

C’è da capire, però, che se non si è mai stati master o se non si conoscono a fondo le regole ed il sistema di gioco, una manovra del master di questo tipo, sembra quasi un “barare” al gioco.

Ed allora esplode il solito grido indignato…

Non c’è scritto sul manuale!!!

Ma il master può, ed in alcuni casi deve, barare.

Sembra strano ma spesso i master decidono di non considerare alcune componenti di un incantesimo ad esempio.

Permettano di trasportare carichi impossibili ai propri giocatori.

Fingono il fallimento di un tiro per salvare la vita al personaggio o ad un oggetto a lui caro.

Pertanto le regole vanno in linea di massima rispettate dal master.

Sicuramente però devono essere seguite ciecamente dai giocatori.

Sia quelle del manuale che quelle modificate dal master, perché non è loro diritto e dovere, gestire il gioco ed un mondo intero.

Come gestire le lamentele?

Parlare con calma ed amichevolmente con i propri personaggi è sempre la strada migliore per appianare una discussione sulle regole.

Molti master liquidano la cosa freddamente affermando:

“Il gioco lo gestisco io e tu fai quello che dico, altrimenti quella è la porta”

Sembra un discorso esagerato ma l’ho visto fare diverse volte da molti master, anche con una lunga esperienza.

Naturalmente la cosa mi ha sempre molto infastidito, come ho spiegato nel precedente articolo.

La cosa migliore è spiegare con gentilezza il perché di tale decisione, far capire che il cambio delle regole è per il bene della storia e del gioco.

Anche i giocatori più ottusi e rigidi mentalmente, potrebbero essere convinti in questo modo.

Inoltre, un’altro aspetto fondamentale, è rappresentato dai compagni di gruppo, infatti è difficile che tutto il party si ribelli ad alcune scelte del master.

Se lo fanno, il master ha sicuramente torto… tienilo a mente.

Quindi è bene farsi aiutare dagli altri per sostenere le proprie scelte.

Per chi non ha mai giocato od un neofita che legge questo articolo, potrà sembrare un comportamento infantile quello che viene sostenuto dall’una o dall’altra parte.

Vi assicuro che il gioco di ruolo è passione, e quando facciamo le cose con passione ci lasciamo spesso trasportare.

Giudicare, puntare il dito o saltare questo articolo dicendo “non accadrà mai” oppure “non lo farò mai” non vi metterà in salvo.

Se sei arrivato a leggere fino a qui, sei sulla buona strada per essere davvero un ottimo master e/o giocatore.

Uno che accetterà con un sorriso accomodante le decisioni per il bene del gioco senza cedere al tanto odiato…

…Non c’è scritto sul manuale!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *